Home SISTEMISTICA F.E.R. CALIBRAZIONE SISTEMISTICA IMPIANTI

fotovoltaico

fotovoltaico

Lo studio tecnico ha preso parte dal 2010 all'installazione di più di 60 MW, nei vari ruoli di progettazione impianti, direzione lavori, verifiche e collaudi.

L'impianto fotovoltaico è un sistema che produce corrente sfruttando l'irraggiamento solare. È composto principalmente da un insieme di pannelli in grado di generare corrente in continua e da un sistema di conversione DC/AC che permette di poterla utilizzare.
Una volta installato, l'impianto produce energia che può essere utilizzata, in sostituzione di quella che normalmente verrebbe acquistata, con evidenti risparmi sui costi.
Conviene investire nel fotovoltaico? Assolutamente si, se l'investimento, e quindi l'impianto, è fatto nel modo corretto. Attente analisi preventive sui consumi e i fabbisogni energetici permettono di poter scegliere la soluzione più adatta ad ogni esigenza: familiare, aziendale, industriale.
Per assicurare un ottimo rendimento in termini di energia prodotta, l'impianto può essere monitorato con sistemi automatici che avvisano in caso di problemi. In tal modo si può garantire un pronto intervento e si riducono al minimo i periodi in cui l'impianto è inattivo o lavora in maniera non efficiente.

Realizzare un impianto fotovoltaico significa risparmiare e guadagnare rispettando l'ambiente.

Il mio impianto, a breve i valori di produzione...

fotovoltaico fotovoltaico

eolico

eolico

Ricerca e studio del territorio per una corretta installazione.
Studi di fattibilità e analisi dei costi per lo sviluppo e la progettazione di impianti di produzione da fonte eolica di piccola, media e grande taglia.

Dichiarazione di produzione e consumo per l'Agenzia delle Dogane

Il produttore ha l'obbligo di comunicare annualmente entro il 31 marzo all'Agenzia delle Dogane la quantità di energia prodotta e immessa nella rete elettrica dal proprio impianto. Per gli impianti in cessione parziale, bisogna comunicare anche i consumi avvenuti mese per mese.
La procedura è da farsi on line utilizzando il servizio telematico sul portale dell'Agenzia delle Dogane (EDI). In caso di primo utilizzo o smarrimento delle credenziali, bisogna fare richiesta per l'accesso al servizio presso l'ufficio territorialmente competente.
Il Soggetto Responsabile è tenuto anche alla compilazione del registro cartaceo con obbligo di conservazione per cinque anni. La mancata compilazione del registro con le letture può comportare sanzioni e, in alcuni casi, il ritiro della licenza con conseguenze sugli incentivi già accordati dal GSE.

La dichiarazione di produzione e consumo deve essere caricata anche sul portale del GSE entro il 30 giugno.


Adeguamento Impianti per la DELIBERA 786/16

Oggetto della delibera dell'AEEG sono tutti gli impianti di produzione di potenza superiore agli 11,08 kW e con sistema di protezione di interfaccia esterno.

Le verifiche con cassetta prova relè, previste dall'Allegato U della Variante 2 alla Norma CEI 0-16 e dall'Allegato G della nuova edizione della Norma CEI 0-21, sono effettuate:
a. nel caso di impianti di produzione connessi in MT, per i sistemi di protezione di interfaccia;
b. nel caso di impianti di produzione connessi in BT, per i soli sistemi di protezione di interfaccia con dispositivo dedicato (relè di protezione esterno);

I tempi nei quali devono essere effettuati gli adeguamenti sono:

- nel caso di impianti di produzione connessi in media e bassa tensione entrati in esercizio dal 1 agosto 2016, entro 5 anni dalla data di entrata in esercizio;

- nel caso di impianti di produzione connessi in media e bassa tensione entrati in esercizio dal 1 luglio 2012 fino al 31 luglio 2016, entro l'ultima data tra:

  • 1.  il 31 marzo 2018;
  • 2.  5 anni dalla data di entrata in esercizio;
  • 3. 5 anni dalla precedente verifica documentata effettuata prima dell'entrata in vigore della presente deliberazione;

- nel caso di impianti di produzione connessi in media e bassa tensione entrati in esercizio dal 1 gennaio 2010 fino al 30 giugno 2012, entro l'ultima data tra:

  • 1.  il 31 dicembre 2017;
  • 2. 5 anni dalla precedente verifica documentata effettuata prima dell'entrata in vigore della presente deliberazione;

- nel caso di impianti di produzione connessi in media e bassa tensione entrati in esercizio fino al 31 dicembre 2009, entro l'ultima data tra:

  • 1.  il 30 settembre 2017;
  • 2. 5 anni dalla precedente verifica documentata effettuata prima dell'entrata in vigore della presente deliberazione.

Per chi non si adegua, il GSE prevede la sospensione degli incentivi.

Adeguamento Impianti per la DELIBERA 243/13

Oggetto della delibera dell'AEEG sono tutti gli impianti entrati in servizio prima del 31 Marzo 2012.

La delibera distingue due categorie di impianti:
a. Impianti con potenza P>20kW collegati in BT ed Impianti con potenza P<50kW collegati in MT
b. Impianti con potenza P>6kW e P<20kW collegati in BT

Per tutti gli impianti è richiesto l'adeguamento alle prescrizioni di cui al paragrafo 5 dell'allegato A70 (rev.2) del codice di rete di TERNA.

I tempi nei quali devono essere effettuati gli adeguamenti sono:
- entro il 30/06/2014 per impianti di categoria a;
- entro il 30/04/2015 per impianti di categoria b.

Per chi non si adegua, il GSE prevede la sospensione degli incentivi.


Studio ing. Frattulino - viale Giovanni Gentile 85, 71122 Foggia - Tel. e Fax: 08811961445 - email: studio@frattulino.it
FRATTULINO © 2020 | Tutti i diritti riservati